Ferrari 458 Italia, una delle vetture più famose della storia recente del Cavallino

Aggiornato il: 2 giorni fa



La storia della Ferrari 458 inizia nel 2009, anno in cui viene presentata.


La vettura, con carrozzeria del tipo berlinetta, sostituisce la Ferrari F430. Tra l'altro, il modello Italia è la base di partenza per altri modelli della 458, ovvero la Spider presentata nel 2011, la Speciale presentata nel 2013, e la Speciale A che è una versione barchetta del modello Speciale.


La 458 è equipaggiata con un motore V8 da 4,5 litri, a cui fa riferimento la denominazione della vettura, montato in posizione posteriore-centrale, ed è dotato di iniezione diretta e indiretta per gestire gli alti regimi del propulsore, con un rapporto di compressione di 12,5:1, che lo rende particolarmente elevato per un motore stradale.

Il motore è abbinato a un cambio elettroidraulico a doppia frizione a 7 rapporti, già montato sul modello California.



Secondo la Ferrari, il nuovo modello è frutto di un’importante evoluzione tecnica che le consente di ottenere consumi ed emissioni ridotti rispetto alla F430, aumentando però cilindrata e potenza.


Il merito va al contenimento del peso e allo studio aerodinamico del profilo, che genera un carico verticale di 140 Kg a 200 Km/h con un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,33.


Il telaio è realizzato con una lega d’alluminio con tecnologia di derivazione aerospaziale, e sospensioni anteriori a triangoli sovrapposti e Multilink per quanto riguarda quelle posteriori.



La vettura è dotata di un’unica centralina fornita dalla Magneti Marelli, che consente di gestire l’E-Diff (differenziale elettronico), l’F1-Trac (controllo di trazione) e ABS, e che è abbinata ad un manettino di derivazione Formula 1.


Pur essendo una vettura due posti, la Ferrari 458 risulta essere molto ergonomica, questo per la particolare attenzione prestata nello studio degli interni e dei comandi di guida raggruppati sul volante per garantire la massima concentrazione al guidatore, permettendogli di non distogliere mai le mani dallo stesso.


Alla messa a punto della vettura ha prestato la propria attenzione e partecipazione il sette volte campione del mondo Michael Schumacher, in qualità di consulente.



La linea della vettura richiama i precedenti modelli sviluppati dall’azienda torinese Pininfarina, come ad esempio i fari che scorrono lungo le fiancate, dando un look aggressivo sia all’anteriore che al posteriore, e la soluzione a tre terminali di scarico uniti al centro del paraurti posteriore, simili alla soluzione adottata per la F430.


Nel 2011 venne presentata a Maranello la prima variante della 458, la Ferrari 458 Spider, portata sul palco per l’occasione dai piloti di Formula 1, Fernando Alonso e Felipe Massa. La Spider presenta un sistema di apertura del tettuccio inedito: questo infatti viene azionato da un meccanismo combinato del movimento retrattile e a quello rotativo, migliorando la velocità di ripiegamento e le proprietà strutturali della vettura.



L’Hard Top ha una struttura in alluminio che permette un alleggerimento di 25 Kg rispetto alla classica intelaiatura in tela, inoltre non compromette i valori di aerodinamica e prestazione, grazie a due sostegni incorporati in una cavità apribile a seconda delle condizioni del tetto pieghevole, ottimizzando il flusso d’aria diretto alle prese di ventilazione del propulsore.


A quanto appena descritto si aggiunge un frangivento in cristallo regolabile elettronicamente, che permette una facile conversazione all’interno dell’abitacolo senza disturbi aerodinamici.


La meccanica rimane invariata al modello Italia, con una accelerazione 0-100 Km/h in 3,5 secondi, aumentata di un secondo rispetto alla versione a tetto fisso, e la velocità massima ridotta a 320 Km/h.


Viene modificato pure il rapporto peso/potenza, che è pari a 2,50 Kg/Cv, fattore dato dall’aumento di peso della vettura a 1430 Kg; mentre la ripartizione dei pesi è 48% all’anteriore e 52% al posteriore.


Per le sue doti progettuali, la vettura è stata insignita dei premi conferitigli dalla rivista BBC Top Gear Magazine, quali:


  • Cabriolet of the Year 2011

  • International Engine of the Year 2011

  • International Engine of the Year 2012

  • Best Performance Engine over 4 liter 2012


Mentre il Sunday Times le ha conferito il premio Best Sports Car and Convertible 2012.


Nell’Agosto del 2013 viene presentato un ulteriore modello della 458, denominato Ferrari 458 Speciale.



Questo modello è l’erede diretto della Ferrari F430 Scuderia, presentando un look più aggressivo rispetto ai precedenti modelli e riprendendo vari concetti proposti sul modello LaFerrari.


Viene infatti alleggerita nel peso, l’aerodinamica viene rivista e il motore V8 viene potenziato a 605 Cv, portando così la coppia massima a 540 Nm a 6.000 giri/minuto, e realizzando il motore di serie con una potenza specifica di 135 Cv/Litro, mentre il rapporto peso/potenza è pari a 2,13 Kg/Cv.


L’aerodinamica - come precedentemente descritto - è stata rivista, e ha un indice di efficienza pari a 1,5, rendendo questa vettura uno dei modelli più efficienti di sempre prodotti dalla Ferrari.


Testata sul Circuito di Fiorano, la Speciale ha girato in 1'23"5, risultando più lenta della F12 Berlinetta di soli 5 decimi e registrando un’accelerazione laterale di 1,33 g, che per una vettura stradale è un valore estremamente elevato.



Tutto ciò grazie anche all’aerodinamica attiva, che consiste in ali mobili inserite all’anteriore, al posteriore e al sotto scocca.


Viene migliorata anche l’elettronica con l’aggiunta del sistema SSC (Side Slip Angle Control), che analizza continuamente l’assetto della vettura e lo confronta con i dati in memoria nella centralina, ottimizzando così la gestione e la ripartizione della coppia motore.


Ogni particolare estetico della vettura viene rivisto per puri scopi aerodinamici, rendendo questo modello il più sportivo della gamma 458.


Gli interni sono essenziali, volti a mantenere alta la concentrazione del pilota in fasi di guida sportiva.


Tutte le finiture interne sono in fibra di carbonio, con l’unica eccezione della pedaliera che è in alluminio, mentre i sedili sono forniti dalla Sabelt con anima in carbonio e rivestimento in Alcantara.



Lo studio stilistico è stato effettuato in collaborazione con Pininfarina.


La 458 Speciale A l’ultimo modello presentato dalla gamma 458, e la A sta per "aperta". Realizzata in soli 499 esemplari, è un modello esclusivo ed è uno dei più performanti della storia della Ferrari.


Rispetto al modello a tetto fisso, la Speciale A presenta un telaio composto da 10 leghe di alluminio grazie all’utilizzo di materiali e tecnologie Aerospaziali.


Per quanto riguarda l’estetica presenta un cofano più aggressivo con uno sfogo al centro più grande, e le fiancate presentano l’inserimento di pinne per migliorare il flusso d’aria, e delle feritoie lungo i passa-ruota per far espellere velocemente i flussi. La meccanica invece rimane invariata rispetto al modello coupè.



La Ferrari 458 vide il suo utilizzo anche nel campionato monomarca organizzato dalla Ferrari, chiamato Ferrari Challenge, prima di essere sostituita dal modello 488.


Il prezzo delle quattro versioni della gamma 458 è pari a 205.000 euro per la Italia, 228.000 euro per la Spider, 240.000 euro per la Speciale, mentre per quanto riguarda la Speciale Aperta si attesta ad’oggi un valore di ben 650.000 euro.


SCHEDA TECNICA


Modello 458 Italia


Carrozzeria Coupé

Bagagliaio 230 / - dm3

Capacità serbatoio 86 litri

Massa in ordine di marcia 1.455 kg

Massa rimorchiabile max 0 kg

Lunghezza 453 cm

Larghezza 194 cm

Altezza 121 cm

Passo 265 cm


Motore


Otto cilindri a V

Cilindrata 4.497 cm³

Alimentazione Benzina

Potenza max/regime 419 KW (570 CV) 9.000 giri/min

Coppia massima 540 Nm

Trazione Posteriore

Cambio Sequenziale

Sette marce


Prestazioni

Velocità max 325 km/h

Accelerazione 0-100km/h in 3,4 secondi

Omologazione antinquin. Euro 5

Emissioni CO2 307 g/km


Consumi

Urbano 20 l/100 km

Extraurbano 10 l/100 km

Misto 13 l/100 km


Carrozzeria

Cabrio


Bagagliaio 230 / - dm3

Capacità serbatoio 86 litri

Massa in ordine di marcia 1.505 kg

Massa rimorchiabile max 0 kg

Lunghezza 453 cm

Larghezza 194 cm

Altezza 121 cm

Passo 265 cm


Motore

Motore 8 cilindri a V

Cilindrata 4.497 cc

Alimentazione Benzina

Potenza max/regime 419 KW (570 CV) 9.000 giri/min

Coppia massima 540 Nm

Trazione Posteriore

Cambio sequenziale sette marce


Consumi

Urbano 18 l/100 km

Extraurbano 9 l/100 km

Misto 12 l/100 km


Modello 458 Speciale


Coupé

Bagagliaio 230 / - dm3

Capacità serbatoio 86 litri

Massa in ordine di marcia 1.395 kg

Massa rimorchiabile max 0 kg

Lunghezza 457 cm

Larghezza 195 cm

Altezza 120 cm

Passo 265 cm


Motore


Otto cilindri a V

Cilindrata 4.497 cm³

Alimentazione Benzina

Potenza max/regime 441 KW (600 CV) 9.000 giri/min

Coppia massima 540 Nm

Trazione posteriore

Cambio sequenziale sette marce


Prestazioni

Velocità max 325 km/h

Accelerazione 0-100km/h 3,0 secondi

Omologazione antinquin. Euro 5

Emissioni CO2 275 g/km


Consumi

Urbano 18 l/100 km

Extraurbano 8 l/100 km

Misto 12 l/100 km

Modello 458 Speciale Aperta


Motore


Tipo V8 - 90°

Cilindrata totale 4497 cm³

Potenza massima 605 cv a 9000 giri

Coppia massima 540 Nm a 6000 giri


Peso


Peso a secco 1340 kg

Rapporto peso/potenza 2,21 kg/cv


Prestazioni


Da 0 a 100 km/h in 3,0 secondi, e da 0 a 200 km/h in 9,5 secondi

Tempo giro Fiorano 1'23"5


Emissioni


Emissioni (ciclo combinato ECE + EUDC)

Emissioni CO2** 275 gr/km

**Con allestimento HELE


Andrea Rasponi

Info Cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy nella nostra pagina Info. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.