download

#10 Hall of Fame: Mika Hakkinen

2021-04-08 01:00

Array() no author 82025

#Hall of Fame,

#10 Hall of Fame: Mika Hakkinen

Come back soon! We are writing the article...

[resizer.in]-619adeffbbe44.jpeg

Il due volte Campione del Mondo Mika Pauli Häkkinen nasce il 28 Settembre 1968 a Vantaa, città finlandese nella regione dell’Uusimaa, vicino Helsinki. Il padre, Harri, è un operatore radio ed un tassista part-time, mentre la madre Aila Häkkinen lavora come segretaria. Mika ha una sola sorella, Nina, la quale gestisce fino al 1998 (anno della sua chiusura) un sito dedicato a suo fratello. Mika Hakkinen vive e cresce nella stessa strada in cui vive Mika Salo, classe 1966, anch’egli pilota di Formula 1 che vestirà diverse maglie, tra cui quella della Lotus, della Tyrrell, dell’Arrows, della BAR, della Sauber, della Toyota e nel 1999 quella della Ferrari, in sostituzione dell’infortunato Michael Schumacher a seguito del grave incidente occorso al pilota tedesco nel corso del Gran Premio di Gran Bretagna, a Silverstone. Da bambino, Mika Hakkinen gioca a calcio e ad hockey su ghiaccio, ma all’età cinque anni, i genitori noleggiano un go-kart e lo portano a provare su un tracciato vicino casa. Nonostante in quella prima esperienza il giovane campione finlandese è vittima di un incidente, Hakkinen chiederà costantemente ai genitori di continuare a correre: suo padre, dunque, decide di comprargli il suo primo go-kart, quello con cui Henri Toivonen - noto pilota di rally finlandese degli anni Ottanta - aveva iniziato a gareggiare. Sul kart del futuro campione finlandese di rally, Mika Hakkinen vince la sua prima gara nel 1975 al Keimola Motor Stadium. Sempre sulla stessa pista gareggia nei campionati regionali di kart nel 1978 e nel 1979, vincendo il Keimola Club Championship in entrambi gli anni. Nel 1980 vince la Swedish Lapland Cup e finisce quarto nella categoria 85 cc class della Lapland Karting Championship. In questo stesso periodo, Häkkinen guida la Volkswagen Beetle sui laghi ghiacciati della Finlandia, insieme al  suo amico Mika Sohlberg. Nel 1981 Häkkinen vince il suo primo importante titolo nel karting, il Finnish Karting Championship, nella categoria F-mini series - titolo conquistato anche nei cinque anni successivi, passando di categoria, prima nella FN series e poi nella FA series. Nel 1982 termina secondo nella classe 85 cc della Formula Mini Series, ma vince la Ronnie Peterson Memorial event e la Salpauselka Cup in Lahti.

 

Successivamente, nel 1983 Mika Hakkinen entra nella Formula Nordic 100 cc class, dove diventa campione al suo esordio, partecipando inoltre, al A Junior Team Races fo Finland accanto a Taru Rinne (prima donna a conquistare punti in una gara motomondiale), Jaana Nyman e Marko Mankonen, con il team che vince il campionato. Nel 1984 Mika Häkkinen vince la 100 cc Formula Nordic e successivamente partecipa al World Kart Championship svoltosi in Liedolsheim. Successivamente ottiene la sua seconda vittoria consecutiva alla 100 cc Formula Nordic Championship nel 1985, concludendo la stagione davanti a Jukka Savolainen, e prende parte alla Nordic Championship A-Class, finendo secondo dietro Tom Kristensen - il futuro nove volte vincitore della 24 Ore di Le Mans. Inoltre, Häkkinen si reca a Parma, in Italia, per partecipare al campionato mondiale di Kart dove però è costretto a ritirarsi prima della gara finale a causa di un problema meccanico. Nel 1986 ottiene il suo terzo titolo consecutivo alla Formula Nordic 100 cc e prende parte agli eventi di karting in tutta Europa. In questi anni, per potersi sostenere finanziariamente, il finlandese trova lavoro come riparatore di biciclette. Nel 1987, Häkkinen passa dal karting alle corse automobilistiche, dopo aver comprato una Reynard Formula Ford 1600 del 1986 dal suo amico finlandese JJ Lehto - il quale l’avrebbe seguito ben presto in Formula 1 nel 1989. Con questa vettura, il pilota finlandese partecipa ai campionati finlandese, svedese e nordico della Formula Ford, vincendo ciascun titolo alla sua prima partecipazione con ben nove vittorie totali. Häkkinen partecipa inoltre a due gare del Campionato EDFA 1600 e gareggia al Formula Ford Festival tenutosi al Brands Hatch, dove termina in settima posizione. Nel 1988, il finlandese entra nella EFDA Formula GM Lotus Euroseries con il team Dragon, dove si assicura ben quattro vittorie, finendo secondo in campionato, dietro ad Allan McNish (tre volte vincitore di Le Mans nel 2000, 2006 e 2007), e successivamente entra nell’Opel-Lotus EFDA Euroseries, ottenendo quattro vittorie e vincendo il campionato con 126 punti, terminando la stagione davanti a Henrik Larsen. Nel 1989 Mika Häkkinen passa al Campionato di Formula 3 inglese, guidando un telaio Reynard 893 per il team Dragon. In questa categoria il pilota finlandese termina la stagione posizionandosi soltanto al settimo posto, con appena 18 punti.

[resizer.in]-637fb6e3cdda3.jpeg

Successivamente, il pilota finlandese viene invitato a partecipare come ospite alla Cellnet Formula Three SuperPrix per la West Surrey Racing (team inglese guidato dal neozelandese Dick Bennets; questi è stata la mente che portato alla ribalta alcuni dei più importanti nomi del motorsport come Ayrton Senna, Rubens Barrichello, Eddie Irvine, Mauricio Gugelmin e Jonathan Palmer): qui ottiene pole position e vittoria. Il pilota finlandese, ancora alla ricerca di visibilità per cercare di raggiungere la massima categoria automobilistica, partecipa il 24 Settembre 1989 alla terza gara del campionato francese di Formula 3 a Le Mans-Bugatti, finendo terzo dietro Éric Hèlary and Laurent Daumet. Grazie a questi ottimi risultati, nel corso della stagione 1990 Mika Häkkinen si candida per diventare membro del Marlboro World Championship Team, attraverso una sorta di accademia di piloti da corsa completamente sponsorizzata. I suoi membri vengono selezionati da una giuria che comprende perfino il team principal della McLaren F1, Ron Dennis (il cui team è sponsorizzato dalla Marlboro), il Campione del Mondo di Formula 1 James Hunt, ed i presidenti di Formula 3000 Mike Earle (fondatore della Onyx Race Engineering) e Hugues de Chaunac (fondatore del gruppo ORECA). Nell’Aprile del 2015, Earle racconterà nel corso di un’intervista che la domanda di Häkkinen è stata l’ultima che lui valutò alla fine di una lunga giornate, a dispetto delle proteste di Hunt, il quale aveva già fatto piani per andare ad un pub a bere. Mika Häkkinen ottiene ottimi risultati durante i test, vincendo così la sponsorizzazione da parte della Marlboro. Pertanto, Mika Häkkinen lascia il team Dragon per approdare alla West Surrey Racing di Dick Bennets e vince il campionato britannico 1990 di Formula 3, ottenendo ben nove vittorie, 121 punti, precedendo in classifica il suo amico finlandese Mika Salo. A conclusione di un annata straordinaria, nel corso del mese di Novembre Mika Häkkinen partecipa al Macau Grand Prix, dove ottiene la pole position e vince la prima manche dell’evento, ma sarà costretto, purtroppo, al ritiro durante la seconda manche a causa di un incidente occorso all’ultimo giro con il pilota della German Formula Three e futuro rivale in Formula 1, Michael Schumacher, che si classificherà primo nella seconda gara e vincitore assoluto del Gran Premio. 

 

Come back soon! We are writing the article...

 

Maria Cira Vitiello


instagram
twitter
youtube
whatsapp
tiktok
spotify

©​ 2022 Osservatore Sportivo

Contact us

Team

Info

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder